L'articolo è stato letto 4646 volte
Nazionale • Italia

facebook
0
twitter
0
linkedin share button

Contratti di sviluppo: ulteriori modifiche

Forniti chiarimenti in merito all'applicazione delle nuove disposizioni sui contratti di sviluppo agroindustriali. Il Programma di sviluppo oggetto del Contratto può essere di tipo industriale, agroindustriale, turistico o di tutela ambientale. E’ composto da uno o più progetti di investimento e da eventuali progetti di ricerca, sviluppo e innovazione, connessi e funzionali tra loro. 

Il Ministero dello Sviluppo Economico, con Decreto 2 agosto 2017, ha apportato delle modifiche alla disciplina dei contratti di sviluppo e istituito il regime di aiuti dei "contratti di sviluppo agroindustriali".  Con Circolare 24 novembre 2017, n. 183851 vengono forniti alcuni chiarimenti in merito all’applicazione delle nuove disposizioni stabilite dal Decreto 2 agosto 2017 al fine di consentire l’applicazione delle stesse in conformità con il regime di aiuti approvato dalla Commissione europea e ai richiamati Orientamenti per gli aiuti di Stato nel settore agricolo e forestale. In merito all’accesso alle agevolazioni, si rammenta che gli investimenti devono rispettare i requisiti ambientali previsti dai programmi di sviluppo rurale (PSR) delle regioni nei quali sono realizzati; l’Agenzia chiederà quindi un parere alla Regione, richiedendo inoltre, nel caso di progetti di investimento nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, la necessità che detto parere riguardi anche la compatibilità del progetto ai requisiti ambientali previsti dai PSR. Il Programma di sviluppo oggetto del Contratto può essere di tipo industriale, agroindustriale,

Accedi


Copyright © 2014.
I contenuti sono di proprieta' di Informazione Qualificata s.r.l. - PI: 12691811009
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Finanziamenti News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua