L'articolo è stato letto 8327 volte
Nazionale • Italia

facebook
0
twitter
0
linkedin share button

Voucher per la digitalizzazione delle PMI: erogazione

Fissata la data a partire dalla quale è possibile presentare la richiesta di erogazione del Voucher finalizzato a favorire la digitalizzazione dei processi aziendali e l’ammodernamento tecnologico. Si ricorda ad ogni modo che non è previsto un ordine cronologico per l'attribuzione del Voucher e che le domande di agevolazioni presentate nel suddetto periodo di trasmissione delle domande sono considerate come pervenute nello stesso momento.

Il Ministero dello Sviluppo economico, con decreto direttoriale 29 marzo 2018, ha fissato il termine iniziale dal quale è possibile presentare la richiesta di erogazione del Voucher digitalizzazione da parte delle imprese assegnatarie delle agevolazioni.

L'impresa iscritta nel provvedimento cumulativo di prenotazione, a seguito della realizzazione del progetto può presentare la richiesta di erogazione, attraverso la stessa procedura informatica utilizzata per la presentazione della domanda, a partire dal 14 settembre 2018 ed entro 90 giorni dalla scadenza del termine dei 6 mesi.

Il "voucher", di importo non superiore a 10 mila euro, è finalizzato all'adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico. La disciplina attuativa di tale intervento è stata adottata con il decreto interministeriale 23 settembre 2014. Le risorse finanziarie disponibili sono pari a euro 100.000.000,00 (centomilioni/00) suddivise su base regionale. Nell'ambito della dotazione finanziaria complessiva è prevista una riserva destinata alle imprese che hanno conseguito il rating di legalità.

Di seguito sono riportate le indicazioni relative ai soggetti beneficiari, alle caratteristiche degli investimenti e alle modalità di finanziamento: 

Soggetti beneficiari e requisiti di ammissibilità

Possono presentare domanda per la concessione del voucher le micro, piccole o medie imprese attive in tutti i settori economici, con l'eccezione dei settori esclusi dall'applicazione del Regolamento de minimis (esclusi pesca e acquacoltura, produzione primaria, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, attività connesse all'export).

Ai fini dell'ammissibilità le imprese devono:

  • avere sede legale e/o unità locale attiva sul territorio nazionale ed essere iscritte al Registro delle imprese della Camera di commercio territorialmente competente;
  • non essere sottoposte a procedura concorsuale e non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;
  • non aver ricevuto altri contributi pubblici per le spese oggetto della concessione del Voucher;
  • non trovarsi nella situazione di aver ricevuto e successivamente non rimborsato o depositato in un conto bloccato aiuti sui quali pende un ordine di recupero, a seguito di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara l'aiuto illegale e incompatibile con il mercato comune.
Interventi ammissibili

L'intervento prevede la concessione di contributi in forma di voucher di valore non superiore a 10.000,00 euro per sostenere, l'acquisto di software, hardware o servizi che consentano:

  • il miglioramento dell'efficienza aziendale;
  • la modernizzazione dell'organizzazione del lavoro, tale da favorire l'utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità, tra cui il telelavoro;
  • lo sviluppo di soluzioni di e-commerce;
  • la connettività a banda larga e ultralarga;
  • il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare, attraverso l'acquisto e l'attivazione di decoder e parabole, nelle aree dove le condizioni geomorfologiche non consentano l'accesso a soluzioni adeguate attraverso le reti terrestri o laddove gli interventi infrastrutturali risultino scarsamente sostenibili economicamente o non realizzabili;
  • la formazione qualificata, nel campo ICT, del personale delle suddette piccole e medie imprese.

I servizi e le soluzioni informatiche devono essere acquisiti successivamente all'assegnazione del voucher.

Entità del voucher

Il voucher di importo non superiore a 10 mila euro è concesso, a titolo de minimis, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili.

Iter presentazione ddomande

 

L'iter di presentazione della domanda di accesso alle agevolazioni è articolato nelle seguenti fasi:

Prenotazione risorse e compilazione domande

 

a) compilazione della domanda, a partire dalle ore 10.00 del 15 gennaio 2018:

  • 1) accesso alla procedura informatica;
  • 2) immissione delle informazioni richieste per la compilazione della domanda e caricamento dei relativi allegati;
  • 3) generazione del modulo di domanda sotto forma di “pdf” immodificabile, contenente le informazioni e i dati forniti dall'impresa proponente, e apposizione della firma digitale;
  • 4) caricamento della domanda firmata digitalmente e conseguente rilascio del “codice di predisposizione domanda” necessario per l'invio della stessa;

Invio delle domande

b) invio della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 12 febbraio 2018 (*):

  • 1) accesso alla procedura informatica;
  • 2) immissione del “codice di predisposizione domanda”, costituente formale invio della domanda, da effettuare entro il termine finale;
  • 3) rilascio da parte della piattaforma informatica dell'attestazione di avvenuta presentazione della domanda, recante il giorno, l'ora, il minuto e il secondo di acquisizione della medesima.

Il MiSE ha posticipato alle ore 17.00 del 12 febbraio 2018 i termini per l'invio delle domande sui Voucher digitalizzazione

La proroga si è resa necessaria in quanto, oggi, ultimo giorno previsto di apertura dello sportello, si è determinato un picco di accessi alla piattaforma informatica e una parte degli utenti ha avuto difficoltà nel completamento delle attività di predisposizione e invio delle domande di accesso alle agevolazioni. 

In ogni caso, il MiSE ha confermato che la piattaforma ha acquisito regolarmente le domande, in numero di oltre 12.000, che si aggiungono alle oltre 70.000 inviate dal 30 gennaio all’8 febbraio.

 

Iter prenotazione del Voucher

Entro 30 giorni dalla chiusura dello sportello il Ministero adotterà un provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher, su base regionale, contenente l'indicazione delle imprese e dell'importo dell'agevolazione prenotata.

Nel caso in cui l'importo complessivo dei Voucher concedibili sia superiore all'ammontare delle risorse disponibili (100 milioni di euro), il Ministero procede al riparto delle risorse in proporzione al fabbisogno derivante dalla concessione del Voucher da assegnare a ciascuna impresa beneficiaria.

Tutte le imprese ammissibili alle agevolazioni concorrono al riparto, senza alcuna priorità connessa al momento della presentazione della domanda o all'importo richiesto.

Concessione ed erogazione del voucher

Dopo aver effettuato le verifiche istruttorie previste, il Ministero determina con proprio provvedimento l'importo del Voucher da erogare in relazione ai titoli di spesa risultati ammissibili.

L'impresa deve presentare, entro 30 giorni dalla data di ultimazione delle spese e sempre tramite l'apposita procedura informatica, la richiesta di erogazione, allegando, tra l'altro, i titoli di spesa.

 

Fonte: Decreto 24 ottobre 2017, Decreto 23 settembre 2014, Ministero dello Sviluppo Economico

 

Copyright © 2018.
I contenuti sono di proprieta' di Informazione Qualificata s.r.l. - PI: 12691811009
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Finanziamenti News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua