L'articolo è stato letto 101 volte
Nazionale • Italia

facebook
0
twitter
0
linkedin share button

Tax credit registratori di cassa

Definite le modalità di attuazione del credito d’imposta per l'acquisto o l'adattamento degli strumenti mediante i quali sono effettuate la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri. E' previsto un contributo pari al 50 per cento della spesa sostenuta, fino a un massimo di 250 euro in caso di acquisto e di 50 euro in caso di adattamento, per ogni misuratore fiscale.

L'Agenzia delle Entrate ha approvato le istruzioni e il codice tributo per l'accesso al credito di imposta per l'acquisto dei registratori di cassa di nuova generazione, necessari alla trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri da parte degli esercenti. Il decreto legislativo n. 127 del 2015 prevede che, a decorrere dal 1° gennaio 2020, gli esercenti attività di commercio al minuto e assimilate debbano memorizzare elettronicamente e trasmettere telematicamente all'Agenzia delle entrate i dati dei corrispettivi giornalieri. La disposizione è anticipata al 1° luglio 2019 nel caso degli esercenti con un volume d’affari superiore a 400mila euro. Allo scopo di agevolare, negli anni 2019 e 2020, l’acquisto o l’adattamento degli strumenti necessari per effettuare la memorizzazione e la trasmissione dei corrispettivi, i cosiddetti misuratori fiscali, il d.lgs ha anche previsto, in favore degli esercenti, la concessione di un contributo pari al 50 per cento della spesa sostenuta, fino a un massimo di 250 euro in caso di acquisto e di 50 euro in caso di adattamento, per ogni misuratore fiscale. Le modalità attuative dell’agevolazione sono state definite dall'Agenzia delle Entrate con il provvedimento

Accedi


Copyright © 2018.
I contenuti sono di proprieta' di Informazione Qualificata s.r.l. - PI: 12691811009
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Finanziamenti News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua