L'articolo è stato letto 2394 volte
Nazionale • Estero, Italia, Europa

facebook
0
twitter
0
linkedin share button

Patrimonializzazione delle imprese esportatrici: operatività

Entrato in vigore il decreto che estende l'operatività del Fondo anche alle operazioni nei paesi UE. Simest-Sace hanno pubblicato la circolare attuativa contenente le novità introdotte dal Decreto Rilancio che amplia l’operatività dei finanziamenti per la patrimonializzazione a nuove aree geografiche, nuove attività e nuovi beneficiari. Possibilità di ottenere fino al 40% del finanziamento (nel limite di 100mila euro) a fondo perduto.

Con la pubblicazione, da parte di Simest-Sace della circolare attuativa dell'intervento "Miglioramento e salvaguardia della solidità patrimoniale delle imprese esportatrici" entra oggi in vigore il decreto dell’11 giugno 2020 che, anche in attuazione di quanto previsto un anno fa dal Decreto Crescita, e con l'art. 48 del Decreto Rilancio si amplia l’operatività dei finanziamenti SIMEST a nuove aree geografiche, nuove attività e nuovi beneficiari.  Per quanto riguarda la linea di finanziamenti che sostiene la solidità patrimoniale delle imprese per renderle più competitive all’estero, le principali novità del decreto sono: ampliamento della misura anche alle MidCap possibilità di accedere a più imprese anche grazie alla riduzione del parametro del fatturato export come requisito di accesso, che infatti adesso diventa il 20% nell’ultimo biennio, oppure il 35% nell’ultimo anno una maggiore accessibilità attraverso l’aumento del livello di solidità patrimoniale massimo per l’accesso allo strumento, pari a 2,00 per società industriali e 4,00 per le società commerciali la richiesta di garanzie

Accedi


Copyright © 2019.
I contenuti sono di proprieta' di Informazione Qualificata s.r.l. - PI: 12691811009
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Finanziamenti News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua