L'articolo è stato letto 1726 volte
Nazionale • Italia

facebook
0
twitter
0
linkedin share button

FondItalia: Formazione Continua il 26 marzo apre il terzo sportello

Sei gli sportelli calendarizzati, per l'annualità 2019/2020, per accedere all'avviso pubblicato da FondItalia e finalizzato a promuovere la crescita e la qualificazione professionale dei lavoratori a supporto dello sviluppo e dell’innovazione nelle imprese. FondItalia finanzia la formazione in modo del tutto gratuito di imprese operanti tutti i settori economici, compreso quello dell'agricoltura.  

Il Fondo Formazione Italia "FondItalia – Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua" ha approvato l'Avviso 2020.01, la cui dotazione economica è pari ad euro 6.000.000,00, per il finanziamento di attività di Formazione Continua a favore di aziende, ubicate su tutto il territorio nazionale, aderenti a FondItalia. Le risorse stanziate potranno essere aumentate sulla base dei trasferimenti INPS resisi disponibili.

FondItalia è un organismo di natura associativa promosso dalla Confederazione datoriale FederTerziario – Federazione Italiana del Terziario, dei Servizi, del Lavoro Autonomo e della Piccola Impresa Industriale, Commerciale ed Artigiana – e dalla Confederazione Sindacale UGL – Unione generale del Lavoro – attraverso uno specifico Accordo Interconfederale che riguarda tutti i settori economici, compreso quello dell’agricoltura.

FondItalia non ha fini di lucro ed opera a favore delle imprese e dei lavoratori dei settori economici delle micro, piccole e medie imprese, in una logica di relazioni sindacali ispirata alla qualificazione professionale, allo sviluppo occupazionale ed alla competitività imprenditoriale nel quadro delle politiche stabilite dai contratti collettivi sottoscritti e/o firmati per adesione. Il Fondo promuove e finanzia – secondo le modalità fissate dall’art. 118 della legge n. 388 del 2000 e successive modificazioni e integrazioni e per tutte le imprese che aderiscono al Fondo piani formativi aziendali, nazionali, territoriali o settoriali, concordati tra le Parti sociali in coerenza con la programmazione regionale e con le funzioni di indirizzo attribuite in materia al Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche sociali.

Le imprese con dipendenti versano tutti i mesi all’INPS la quota dello 0,30% della retribuzione come “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria” (Legge 845/1978). Le aziende possono scegliere di destinare questa quota al Fondo Paritetico Interprofessionale "FondItaliasenza oneri aggiuntivi o vincoli e ricevere in cambio formazione in modo del tutto gratuito. Se decidi di destinare il tuo 0,30% a FondItalia, la tua azienda avrà la garanzia di ricevere formazione finanziata per i lavoratori dipendenti, anche con contratti di apprendistato e a progetto. L’adesione a FondItalia non comporta alcun costo ulteriore per le imprese.

Di seguito sono riportate le indicazioni relative ai soggetti proponenti e destinatari, alle caratteristiche delle proposte progettuali e alle modalità di finanziamento.

Finalità 

Promuovere la crescita e la qualificazione professionale dei lavoratori a supporto dello sviluppo e dell’innovazione nelle imprese.

Soggetti candidati alla presentazione dei progetti

I progetti formativi devono essere presentati dagli Enti Attuatori accreditati presso il Fondo.

Agli Enti Attuatori è affidata la gestione operativa e finanziaria delle attività formative svolte in favore del personale delle Imprese beneficiarie, effettuata tramite la presentazione di Progetti formativi interaziendali.

Soggetti beneficiari delle attività formative

Sono considerate soggetti beneficiari le imprese che alla data di presentazione del Progetto, risultino aderenti a FondItalia e che sottoscrivano l’impegno a rimanere aderenti al Fondo per il tempo di realizzazione, rendicontazione e a completamento dell’iter amministrativo – contabile del Progetto formativo

Aderire a FondItalia comporta diversi benefici, come:

  • ridurre o azzerare i costi aziendali sostenuti per la formazione;
  • accrescere la competitività e l’efficienza aziendale;
  • possibilità di trovare nuovi sbocchi nel mercato, grazie all’aumento di know-how e competenze professionali dei dipendenti;
  • soddisfare le proprie esigenze formative, perché anche chi è ai vertici ha bisogno di aggiornamenti professionali periodici.

Come Aderire a FondItalia

  • Secondo quanto previsto dalla L. 388/00, le imprese possono destinare la quota del 0.30% dei contributi versati all’Inps (Il cosiddetto “Contributo Obbligatorio per la Disoccupazione Involontaria”) alla formazione dei propri dipendenti.
  • Per aderire a FondItalia le imprese interessate devono unicamente indicare la loro adesione in una delle righe disponibili dei quadri B e C del modello DM 10/2.
  • L’indicazione dovrà riportare nella prima colonna del quadro B la dicitura “adesione fondo” e nella seconda colonna il codice “FEMI” e nell’apposita casella si dovrà inoltre indicare il numero dei lavoratori interessati all’obbligo contributivo.
  • L’adesione va effettuata una sola volta e, salvo revoca espressa, si intende tacitamente prorogata.
  • Le imprese dovranno manifestare la propria adesione utilizzando il modello di denuncia contributiva DM10/2 relativo al primo periodo di paga utile.
  • Tale modello è attualmente accessibile tramite la procedura UNIEMENS.
  • Le adesioni a FondItalia sono valide dal mese stesso in cui vengono effettuate.

Destinatari dell’attività formativa

I destinatari dell’attività formativa sono i lavoratori/lavoratrici dipendenti e dirigenti per i quali i datori di lavoro sono tenuti a versare il contributo di cui all’art. 12 della legge n. 160/1975, così come modificato dall’art. 25 della legge n. 845/1978 e s.m.i.

Sono inclusi tra i destinatari dell’attività formativa anche gli apprendisti e i soci di cooperativa, i dipendenti a tempo determinato delle Amministrazione Pubbliche, le categorie del personale artistico, teatrale e cinematografico con rapporto di lavoro subordinato (circ. INPS n.140/2012), cassintegrati, lavoratori in mobilità, nonché i lavoratori stagionali che, nell’ambito dei 12 mesi precedenti la presentazione della richiesta del Progetto Formativo, abbiano lavorato alle dipendenze di imprese assoggettate al contributo di cui sopra ed aderenti al Fondo e che al termine del percorso formativo siano in forza presso l’impresa beneficiaria.

Tipologia progetti formativi ammissibili

L'avviso prevede il finanziamento a tre differenti tipologie di Progetti formativi:

  • Asse 1 – Progetti formativi aziendali, ossia un progetto formativo in linea con le esigenze formative espresse da una sola impresa. La singola impresa, o chi da essa delegato, definisce un Progetto formativo specifico, personalizzato e più adatto ad affrontare le criticità e/o le linee di sviluppo, coerentemente alla analisi dei fabbisogni e nel rispetto di quanto previsto dal bando;
  • Asse 2 – Progetti formativi interaziendali, ossia un progetto formativo in linea con le esigenze formative espresse da più imprese. Più imprese, aggregandosi secondo una logica di rete, delegano un Ente Attuatore alla predisposizione e presentazione di un Progetto formativo coerentemente con una analisi dei fabbisogni trasversale alle imprese, più adatto ad affrontare le loro criticità e/o le linee di sviluppo, nel rispetto di quanto previsto dal bando;
  • Asse 3 – Progetti formativi individuali finanziabili mediante voucher, ossia partecipazione a percorsi formativi a scelta individuale di alta formazione o di formazione specialistica erogata da specifici Enti erogatori, in linea con le esigenze formative espresse da una o più imprese.
Priorità

L'avviso ha identificato le seguenti tematiche prioritarie progetti formativi:

  • aggiornamento e mantenimento delle competenze;
  • adozione di nuovi modelli di gestione aziendale (risorse umane, qualità, tecniche di produzione) ed amministrazione;
  • sviluppo delle abilità personali;
  • introduzione di elementi di innovazione tecnologica;
  • incremento della conoscenza del contesto lavorativo;
  • incremento della conoscenza e delle competenze linguistiche;
  • supporto all’internazionalizzazione;
  • green economy.

Per ciascun Progetto Formativo potranno essere indicate più tematiche di intervento

Modalità formative

Le attività formative possono essere erogate secondo le seguenti modalità:

  • aula: formazione in aula erogata in un ambiente interno o esterno all’impresa beneficiaria;
  • seminari e workshop: attività in presenza destinata ad un gruppo ristretto di persone e finalizzata all’aggiornamento o perfezionamento su un tema specifico;
  • formazione a distanza (FAD) e/o e-learning: modalità caratterizzata dalla mancanza di presenza fisica nello stesso ambiente del docente e del/i discente/i, grazie all’utilizzo di specifiche tecnologie;
  • affiancamento: tipologia di formazione rivolta al miglioramento delle competenze in ambito lavorativo mediante affiancamento da parte di persone in possesso di maggiore esperienza;
  • training on the job: tipologia di formazione in cui le abilità e le competenze da apprendere vengono trasmesse/insegnate all’interno di situazioni in cui il discente esercita già le attività lavorative a cui il programma vuole preparare;
  • coaching: tipologia di formazione personalizzata, programmata con il supporto della figura del coach, per sviluppare, migliorare ed ottimizzare le competenze e le caratteristiche personali del discente, necessarie a mettere in atto una performance efficace, in relazione agli obiettivi assegnati al lavoratore.
Importo massimo contributo concedibile

Per ogni Progetto formativo aziendale o interaziendale è concesso un contributo massimo di € 40.000,00 (quarantamila/00).

Per ogni Progetto formativo individuale finanziabile mediante voucher è concesso un contributo massimo, a copertura parziale o totale delle spese di iscrizione e di frequenza, per singolo voucher di € 3.000,00 (tremila/00).

Presentazione dei Progetti Formativi 

La presentazione dei Progetti Formativi è subordinata alla preventiva condivisione da parte delle Parti Sociali istitutive di FondItalia, secondo quanto indicato nei seguenti documenti approvati nel Cda del 30.05.2018:

Termini di presentazione dei Progetti formativi

L'avviso prevede l’attivazione dell’intervento a “sportello”. La presentazione dei progetti potrà avvenire nei termini delle “finestre temporali” calendarizzate per l'annualità 2019/2020. Naturalmente tali finestre risulteranno aperte ed efficaci fino ad esaurimento delle risorse rispettivamente assegnate per l’attuazione degli interventi previsti.

Sportelli Data Apertura Chiusura Sportello (validazione progetto in piattaforma FEMIWEB 

Data approvazione e pubblicazione graduatoria sul sito www.fonditalia.org 

I Sportello 04.12.2019 ore 12,00 20.12.2019 ore 12.00 05.02.2020
II Sportello 30.01.2020 ore 12,00 18.02.2020 ore 17.00 25.03.2020
III Sportello 26.03.2020 ore 12,00 17.04.2020 ore 17.00 21.05.2020
IV Sportello 12.05.2020 ore 12,00 29.05.2020 ore 17.00 08.07.2020
V Sportello 09.07.2020 ore 12,00 31.07.2020 ore 17.00 07.10.2020
VI Sportello 29.09.2020 ore 12,00 16.10.2020 ore 17.00 25.11.2020

 

 

Fonte: Avviso 2020.01, 

 
Copyright © 2019.
I contenuti sono di proprieta' di Informazione Qualificata s.r.l. - PI: 12691811009
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Finanziamenti News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua