L'articolo è stato letto 71 volte
Nazionale • Italia

facebook
0
twitter
0
linkedin share button

Terra dei Fuochi: gara da 2,7 milioni per il primo step della bonifica

Il bando di Invitalia prevede l’affidamento della progettazione per le indagini ambientali in tre aree di particolare complessità nella Terra dei Fuochi. Verrà infatti selezionato un unico operatore di alto profilo tecnico che eseguirà l’intera fase della caratterizzazione (dalla elaborazione del Piano di indagine fino alla sua esecuzione con la possibilità di estenderlo anche all’analisi di rischio), con importanti benefici in termini di riduzione dei tempi e dei costi.

Oltre 2,7 milioni di euro per il primo step della bonifica in tre aree di particolare complessità nella Terra dei Fuochi: la discarica ex Pozzi Ginori (a Calvi Risorta), l’Area Vasta Bortolotto (Castel Volturno) e l’Area Vasta Regi Lagni. È quanto prevede la procedura di gara pubblicata da Invitalia in qualità di Centrale di Committenza per la Regione Campania, nell’ambito degli investimenti pubblici previsti dal Patto per la Campania. L’appalto prevede l’affidamento dei servizi di progettazione ed esecuzione del piano di caratterizzazione ambientale e predisposizione dell’analisi di rischio di tre lotti, uno per ciascuna area di intervento. Tra i territori interessati dalla bonifica rientra anche la discarica ex Pozzi Ginori, scoperta nel 2014 e ritenuta la discarica industriale abusiva più grande d’Europa. La caratterizzazione prevede un’articolata attività di indagine ambientale

Accedi


Copyright © 2019.
I contenuti sono di proprieta' di Informazione Qualificata s.r.l. - PI: 12691811009
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Finanziamenti News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua