L'articolo è stato letto 29927 volte
Nazionale • Italia

facebook
0
twitter
0
linkedin share button

Decreto Ristori: bonus affitti

Il credito d’imposta del 60% per le locazioni viene esteso a ottobre, novembre e fino a dicembre. Ad averne diritto saranno le attività colpite dalle nuove restrizioni, e spetterà anche sopra i 5 milioni di ricavi. Per le attività turistiche ricettive, il credito d'imposta spetta per l’intero anno, fino a dicembre 2020, come stabilito dalla legge di conversione del Decreto Agosto.

Il credito d'imposta è stato introdotto dal Decreto Rilancio con l'art. 28 Credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo, affitto d’azienda e cessione del credito , al fine di contenere gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il Decreto Agosto aveva prorogato il bonus per tutti fino a giugno e per le strutture turistico-ricettive con attività solo stagionale fino a luglio. In sede di conversione del decreto di agosto, con la nuova lettera b-bis), viene previsto che per le imprese turistico ricettive, il credito d'imposta spetta per l’intero anno, fino a dicembre 2020.

In sintesi la legge di conversione del Decreto Agosto modificando l’art. 28, comma 2, del Decreto Rilancio ha previsto:

  • aumento della percentuale del credito di imposta relativo all'affitto di azienda dal 30% al 50% per le strutture turistico-ricettive
  • nuova previsione di spettanza del credito di imposta per entrambi i contratti nel caso in cui, in relazione alla medesima struttura turistico-ricettiva, siano stipulati due contratti distinti, uno relativo alla locazione dell’immobile e uno relativo all’affitto d’azienda
  • proroga del bonus fino al 31 dicembre 2020 per le imprese turistico ricettive.

​Il D.L. 28 ottobre 2020, n. 137 cosidetto Decreto Ristori, contenente misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza, connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19 in particolare, misure di sostegno economico per le attività che hanno subito uno stop a causa delle misure anti-Covid previste dal DPCM del 24 ottobre 2020, nell'art. 8 estende ai mesi ottobre, novembre e dicembre il bonus affitti alle imprese operanti nei settori riportati nella tabella di cui all'Allegato 1 al decreto, indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d'imposta precedente.

L'estensione del Decreto Ristori opera:

  • indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d’imposta precedente e
  • per le sole imprese dei settori la cui attività, è stata sospesa con il DPCM del 24 ottobre 2020 (per le attività turistiche ricettive opera già l’estensione del bonus fino a fine anno introdotto dal Decreto Agosto)

Di seguito sono riportate le indicazioni relative al Bonus Affitti fuibile secondo quanto stabilito dal Decreto Agosto e dal Decreto Ristori:

Soggetto beneficiario 

Potranno fruire del credito di imposta per gli affitti relativi ai mesi per i mesi ottobrenovembre e dicembre 2020:

  • le imprese operanti nei settori la cui attività, è stata sospesa con il DPCM del 24 ottobre 2020
  • le imprese operanti nel settori turistico ricettive come previsto dall'art. 77 del Decreto Agosto

La platea dei beneficiari include anche:

  • Le attività avviate nel 2019 e il commercio al dettaglio con ricavi superiori ai 5 milioni di euro nel 2019, anche se l’agevolazione scende dal 60% al 20% nelle ipotesi di locazione, leasing o di concessione di e dal 30% al 10% per i contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto di azienda che abbiano ad oggetto almeno un immobile.
  • Il limite dei 5 milioni di euro viene eliminato per le agenzie di viaggio e turismo e i tour operator.

Requisiti minimi di ammissibilità

Per poter usufruire del bonus affitti, è necessario dimostrare che i ricavi della propria attività siano calati di almeno il 50% a causa dell’emergenza sanitaria.

Misura dell'agevolazione

Il credito d'imposta spetta nella misura del 60% per i canoni "pagati" di locazione, di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività.

In caso di affitto d’azienda comprendente un immobile non abitativo con previsione di canone unitario, il credito d’imposta previsto è pari al 50%.

Categorie di immobili

Il credito d’imposta è concesso in misura variabile in relazione ai canoni:

  • di locazione, di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo. Nella nozione di leasing ai fini del bonus affitti non rientrano i contratti finanziari (traslativo);
  • di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, comprensivi di almeno un immobile a uso non abitativo destinato allo svolgimento dell’attività.

Per entrambe le ipotesi gli immobili oggetto di locazione (o almeno uno degli immobili in ipotesi di affitto d’azienda o contratto misto), indipendentemente dalla categoria catastale, devono essere destinati allo svolgimento effettivo delle seguenti attività:

  • industriale;
  • commerciale;
  • artigianale;
  • agricola;
  • esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo.
  • di interesse turistico e termale.

Il credito d’imposta spetta anche per gli immobili adibiti promiscuamente all’esercizio dell’arte o professione e all’uso personale o familiare del contribuente che sono ammortizzabili.

 Fruizione dell'agevolazione 

Il credito di imposta può essere:

  • utilizzabile nella dichiarazione dei redditi 2020 ovvero in compensazione senza limiti soglia, ai sensi dell'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, successivamente all'avvenuto pagamento dei canoni. 
  • ceduto a terzi, ivi inclusi locatore, banche ed altri intermediari finanziari, entro il 31 dicembre 2021 (articolo 122, comma 1, D.L. 34/2020).

Normativa di riferimento Agenzia delle Entrate

Con provvedimento del 1° luglio 2020, l’Agenzia delle entrate ha definito le modalità di cessione

  • del credito d’imposta per botteghe e negozi previsto dal Decreto Cura Italia,
  • del credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo e affitto d’azienda previsto dal Decreto Rilancio.

Con la Circolare 6 giugno 2020, n. 14/E, l’Agenzia delle entrate ha precisato che, nel caso di cessione del credito d’imposta al locatore, il versamento del canone è da considerarsi avvenuto contestualmente al momento di efficacia della cessione.

  • Pertanto, è possibile fruire del credito d’imposta sulle locazioni cedendolo allo stesso al locatore e pagando il canone per la differenza.
  • La comunicazione della cessione potrà avvenire telematicamente, utilizzando l’apposito modellodal 13 luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

cessionari potranno utilizzare i crediti d’imposta ceduti con le stesse modalità previste per i soggetti cedenti. I crediti d’imposta potranno essere utilizzati in compensazione dai cessionari sin dal giorno successivo alla comunicazione della cessioneprevia accettazione da comunicare, a cura degli stessi, telematicamente all’Agenzia delle entrate.

IMPORTANTE:

  • ai sensi dell’articolo 122, comma 3, D.L. 34/2020, la quota dei crediti d’imposta ceduti che non è utilizzata entro il 31 dicembre dell’anno in cui è stata comunicata la cessione non può essere utilizzata negli anni successiviné richiesta a rimborso ovvero ulteriormente ceduta.
  • ai sensi dell’articolo 122, comma 4, D.L. 34/2020, i cessionari, in caso di controllirispondono esclusivamente per l’utilizzo dei crediti d’imposta in modo irregolare o in misura maggiore a quanto ricevuto. L’esistenza dei presupposti per poter beneficiare del credito d’imposta e la corretta determinazione dell’ammontare sono invece verificati in capo al soggetto beneficiario, nei confronti del quale verrà effettuato il recupero del credito d’imposta nel caso in cui dovesse risultare non spettante.

 

Fonte: D.L. 28 ottobre 2020, n. 137, G.U.R.I. 28 ottobre 2020, n. 269, Legge 13 ottobre 2020, n. 126, D.L. 14 agosto 2020, n. 104, Provvedimento 1 luglio, Prot. n. 250739/2020, Circolare 6 giugno 2020, n. 14/E, Risoluzione 6 giugno 2020, n. 32/E, D.L. 19 maggio 2020, n. 34, G.U.R.I. 19 maggio 2020, n. 128, s.o. 21 

Copyright © 2019.
I contenuti sono di proprieta' di Informazione Qualificata s.r.l. - PI: 12691811009
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Finanziamenti News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua