L'articolo è stato letto 2264 volte
Nazionale • Italia

facebook
0
twitter
0
linkedin share button

Piano per l’Arte Contemporanea (PAC) 2020

Avviso pubblico che destina 2 milioni di euro per le proposte di acquisizione, produzione e valorizzazione di opere dell’arte e della creatività contemporanea anche internazionale, destinate a incrementare le collezioni pubbliche italiane.

La Direzione Generale Creatività Contemporanea (DGCC) del MiBACT emana l’avviso pubblico Piano per l’Arte Contemporanea (PAC) 2020 che destina 2 milioni di euro per le proposte di acquisizione, produzione e valorizzazione di opere dell’arte e della creatività contemporanea anche internazionale, destinate a incrementare le collezioni pubbliche italiane.

Le risorse disponibili per il presente Avviso ammontano complessivamente a € 2.000.000,00 (duemilioni/00 di euro).

Il PAC è uno dei primi strumenti attraverso cui il MiBACT arricchisce il patrimonio pubblico di arte contemporanea e, a partire da questa edizione, si estende a tutti gli ambiti di competenza della Direzione Generale Creatività Contemporanea, dall’arte all’architettura, dal design alla moda.

Obiettivi del bando pubblico sono il finanziamento di nuove acquisizioni, il sostegno delle committenze pubbliche di opere di artisti affermati, mid-career, emergenti anche site specific, al fine di arricchire in modo significativo le collezioni dei soggetti proponenti. Il PAC sostiene inoltre la valorizzazione delle opere d’arte contemporanea ricevute in donazione, nel corso degli ultimi tre anni.

Le proposte, che possono essere presentate da tutti i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura pubblici italiani, come individuati nell’art. 101 del D.Lgs n. 42/2004 e ss.mm.ii. (“Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio”), anche gestiti da enti privati senza scopo di lucro o da enti come previsto dall’art. 112, commi 5 e 8, del D.Lgs n. 42/2004, in grado di dimostrare una progettualità, a medio e lungo termine, nel campo del contemporaneo. Sono ammissibili proposte che coinvolgono reti o poli di musei e/o, istituti, luoghi della cultura, finalizzate all’acquisizione e valorizzazioni di nuclei e/o serie omogenei (a titolo esemplificativo: un’opera seriale i cui singoli pezzi sono distribuiti in diversi musei).

Possono essere oggetto di acquisizione:

  • a) opere di artisti italiani o stranieri viventi o la cui esecuzione risalga a meno di 50 (cinquanta) anni, senza limitazione di linguaggi e tecniche, ivi compresi i prodotti della fotografia, della videoarte, della performance, della moda, dell’architettura, del design e di tutte le altre espressioni della creatività contemporanea, coerenti con le competenze della DGCC e che rivestono un interesse culturale tale da giustificarne l’acquisizione al patrimonio pubblico;
  • b) nuclei collezionistici e archivistici legati alla creatività contemporanea italiana e internazionale, in linea con le finalità della DGCC (a titolo esemplificativo: bozzetti di moda, tavole originali di fumetti, disegni di architettura, progetti di arte industriale e design; nuclei collezionistici tematici; archivi di arte, fotografia, architettura, design, moda, etc.) e che rivestono un interesse culturale tale da giustificarne l’acquisizione al patrimonio pubblico.

Le proposte saranno finanziate nella misura del 100% (cento per cento) dei costi ammissibili. 

La proposta, pena esclusione, a firma autografa o digitale del legale rappresentante del soggetto proponente, deve essere inviata congiuntamente alla proposta culturale e ai documenti indicati nel presente articolo. La proposta deve essere trasmessa esclusivamente all’indirizzo PEC: mbac-dg-cc.bandi@mailcert.beniculturali.it entro e non oltre le ore 12:00 (dodici) del 18 dicembre 2020.

 

Fonte: Direzione Generale Creatività Contemporanea (DGCC) del MiBACT

 

Copyright © 2019.
I contenuti sono di proprieta' di Informazione Qualificata s.r.l. - PI: 12691811009
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Finanziamenti News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua